Cerca

Blog

Questo blog è dedicato a coloro che sono interessati ad interventi di prevenzione del disagio adolescenziale e giovanile, degli abusi di droghe, delle dipendenze, utilizzando lo sport.

Policy makers, amministratori, tecnici, allenatori, dirigenti, genitori, insegnanti, ed atleti sono invitati a sottoporre le loro domande a cui risponderanno lo staff del Consiglio Scientifico del CISCoD.

Lo sport non è una “magica prevenzione globale”

Da: Coletti M. e Cannizzaro C.: Prevenire attraverso lo sport: disagio giovanile e uso di sostanze. Antigone Edizioni, 2014   È indispensabile abbandonare la considerazione semplicistica del valore assoluto e universale dello sport come “magica protezione globale” e cercare con tenacia di ridurre quelle caratteristiche delle attività sportive che possono essere favorenti condotte a rischio e di potenziare e curare quegli aspetti dello sport (e sono la stragrande maggioranza) che funzionano da fattore di protezione. L’adolescente guarda molto spesso allo sport come un contesto “magico”: i grandi campioni, i grandi eventi sportivi, le squadre ed il loro simboli. Il dovere…

continua…

Lo sport nello sviluppo adolescenziale

Da: Coletti M. e Cannizzaro C.: Prevenire attraverso lo sport: disagio giovanile e uso di sostanze. Antigone Edizioni, 2014   La pratica di attività fisiche strutturate del tempo libero può ottenere, tra l’altro, i seguenti risultati: riduzione di problemi comportamentali come l’aggressività e la tendenza all’isolamento; maggiore confidenza con i confini, le regole e il rapporto con gli altri; miglioramento delle relazioni positive con la famiglia Secondo gli esperti, dal punto di vista della prevenzione, la partecipazione ad attività sportive strutturate riducono i livelli di insuccesso scolastico e di devianza sociale (bullismo, atti vandalici, baby gang, abuso di sostante, ecc).…

continua…

Lo sport come azione preventiva

Da: Coletti M. e Cannizzaro C.: Prevenire attraverso lo sport: disagio giovanile e uso di sostanze. Antigone Edizioni, 2014   Affrontare ed incrociare i temi dello sport e delle droghe può far correre subito il pensiero al dramma del doping, nelle sue numerose espressioni recenti e recentissime. Questo manuale, invece, vuole essere un contributo all’implementazione di quell’innegabile “valore aggiunto” che lo sport può rappresentare in quanto ad una delle migliori occasioni possibili per affrontare certi tipi di disagi degli adolescenti e dei tardo – adolescenti ed anche qualche deriva di questi disagi che può portare al consumo problematico di droghe.…

continua…

Cos’è il disagio adolescenziale?

Da: Coletti M. e Cannizzaro C.: Prevenire attraverso lo sport: disagio giovanile e uso di sostanze. Antigone Edizioni, 2014     Con il termine di disagio adolescenziale si definisce, in modo generico, un’area di malessere giovanile. Gli studiosi lo considerano come una condizione legata soprattutto a percezioni soggettive di sofferenza, si può dire che il disagio si “sente”, ma non è detto che si “veda”. Una definizione di disagio potrebbe essere legata al fatto che questo sia in realtà una domanda, un bisogno che include le difficoltà familiari, di relazione, o scolastiche, all’interno del più generale malessere esistenziale connesso al…

continua…

Adolescenza tra evoluzioni e rischi

Da: Coletti M. e Cannizzaro C.: Prevenire attraverso lo sport: disagio giovanile e uso di sostanze. Antigone Edizioni, 2014   L’adolescenza può essere definita come un periodo intermedio che inizia con l’acquisizione della maturità fisiologica e finisce con l’acquisizione della maturità sociale. L’adolescente è alla ricerca della propria identità e del proprio ruolo sociale, ma può attraversare un contrasto tra: La sua maturazione psicofisica e l’ancora incerta “esperienza sociale” Il desiderio di autonomia e la dipendenza dalla famiglia Le sue aspirazioni e la realtà che creano in lui un forte senso di crisi e conflitti interiori. E’ dunque una fase…

continua…

Prevenire attraverso lo sport. Disagio giovanile e uso di sostanze

“(…) Questo manuale vuole essere un contributo all’implementazione di quell’innegabile “valore aggiunto” che lo sport può rappresentare, come una delle migliori occasioni possibili per affrontare certi disagi degli adolescenti e dei tardoadolescenti, e anche qualche deriva di questi disagi che può portare al consumo problematico di droghe. Lo sport, quindi, e le attività sportive in generale come una possibile azione preventiva efficace, solida, diffusa. (…) Chi si affaccia allo sport, chi lo pratica nelle sue differenti forme trova in continuazione spunti per divertirsi, per impegnarsi, per migliorarsi. Lo sport è una palestra e una scuola di vita all’interno della quale…

continua…